Home Page Presentazione Dedicato a Maria Callas I Quadri di Gabriellla Ad Asia Manda una email a Gabriellla
Il mito e la psicologia nel segno dell Ariete Il mito e la psicologia nel segno del Toro Il mito e la psicologia nel segno dei Gemelli Il mito e la psicologia nel segno del Leone Il mito e la psicologia nel segno della Vergine Il mito e la psicologia nel segno della Bilancia Il mito e la psicologia nel segno dello Scorpione Il mito e la psicologia nel segno del Sagittario Il mito e la psicologia nel segno del Capricorno Il mito e la psicologia nel segno dellAcquario Il mito e la psicologia nel segno dei Pesci
Mito e Psicologia nel segno del Cancro
Cancro è il quarto Segno dello Zodiaco: Cardinale, di Acqua, Femminile esso va dal 20 giugno al 20 luglio con un due giorni di fluttuazione, all’inizio ed alla fine.

I Segni Cardinali (Ariete – Cancro – Bilancia – Capricorno), sono quelli che aprono le stagioni ed ospitano i due Equinozi e i due Solstizi dell’anno. Chi nasce sotto un Segno Cardinale tende a Fare, ad Iniziare nuove imprese, ad intraprendere nuove strade. Intraprenderle in modo attivo, attraverso l’Agire (Ariete e Capricorno), o in modo “passivo”, attraverso la Fantasia (Cancro), o l’Ideazione (Bilancia).

L’Elemento Acqua sta a significare, sempre in Astrologa, la Sensibilità, l’Intuizione, la Fantasia, l’Irrazionale; tutto quanto, insomma, la Psicanalisi indica come Inconscio. I tre Segni Astrologici di Acqua sono; Cancro (Acqua limpida di sorgente), Scorpione (Acqua putrida delle paludi), Pesci (Acqua senza confini del mare).

Il genere Femminile sta a dire che il Cancro è Ricettivo-Passivo, dove Passivo non ha la valenza che gli si dà oggigiorno di inerte e dipendente; al contrario, il “Passivo” Astrologico indica il magnetismo, l’attirare a sé le cose per un effluvio strano, spesso inspiegabile di Magia o, sarebbe più giusto dire, di Malìa.

Sotto il Segno Cancro, sì è detto, arriva il Solstizio di Estate; il giorno più lungo e la notte più breve dell’anno. Il trionfo della Luce sulle Tenebre. La Natura è nel suo pieno rigoglio. I germogli ed i boccioli della Primavera si trasformano in fiori e frutti. La Fisicità è al suo massimo. Sul piano simbolico Cancro è Segno Principe della Maternità; questo lo avvicina molto al Toro, ma con una sostanziale differenza: il Toro (che poi in Astrologia è la Mucca Sacra) fecondato da Ariete, partorisce il Figlio. I primi due Segni Zodiacali simboleggiano quindi l’evento naturale puro e semplice. Una Inseminazione cui seguono una Fecondazione ed un Parto.

Il simbolismo del Cancro è assai più sottile e complesso. Gemelli, Segno-ponte tra Toro e Cancro, dice della fine della coppia a sé stante ed apre l’Era della Comunità. Maschio e Femmina insomma, non debbono più provvedere da soli a sé stessi ed alla Prole, ma si aggregano in Comunità. Questo cambiamento epocale è dovuto alla scoperta che i frutti delle Terra si possono coltivare. Nasce insomma l’Agricoltura che, all’inizio, guarda caso, è affidata proprio alle donne. Gli uomini sono infatti ancora impegnati unicamente alla caccia ed alla pesca. L’Agricoltura trasforma i Nomadi, sempre alla ricerca di selvaggina e di acque pescose, in Stanziali.

Si creano i primi agglomerati di capanne che, pian piano, si trasformeranno in case. Alla coppia senza radici e senza storia segue la Famiglia in seno alla quale ogni membro lavora per il bene comune, ed ogni Famiglia fa parte di una Stirpe, della quale si tramandano, di generazione in generazione, gli usi, i costumi, gli avvenimenti. La Madre-Cancro non si preoccupa quindi più soltanto di nutrire i propri figli e di insegnare loro come procacciarsi il cibo, ma li Educa, trasmettendo loro anche il Passato.

Cancro è quindi Segno della Memoria, del Ricordo, della difesa delle Tradizioni. Passato e presente si uniscono in un unico nastro che scorre ininterrotto. Il Nastro della Storia.

I vecchi Idoli vengono surclassati dal culto della Dea Madre Terra che tutto fa nascere, tutto nutre e tutto torna a raccogliere nel suo ventre. Nei più antichi Riti di Omaggio alle Divinità, gli uomini facevano sprizzare il loro sperma sulle zolle, per fecondarle e farle poi partorire i frutti necessari alla sussistenza.

Sul piano esoterico, il Cancro simboleggia una delle Porte Zodiacali che le anime varcavano prima di reincarnarsi. Davanti a questa Porta esse dovevano bere la Coppa dell’Oblio che faceva loro dimenticare le vite precedenti. Di conseguenza, mentre il Toro simboleggia soltanto la gestazione ed il parto, il Cancro simboleggia tutto l’Arco della Vita. E’ il Segno che fa nascere, che come Madre ci accompagna per la Vita, che ha la sua naturale chiusura con la Morte.

Perché anche Segno di Morte, se a questo Evento sovrintende lo Scorpione? Si è appena detto che il Segno Cancro deve aver preso forma con l’avvio dell’Agricoltura e l’Agricoltura è molto legata alla Luna. Luna Crescente che vede i germogli (soprattutto del Grano) e simboleggia anche l’Inizio della Vita; la Luna Piena (il grano nel pieno della maturazione), la vita nel pieno del suo vigore: la Luna calante (le spighe secche dalle quali si toglie il preziosissimo seme), la Vita che volge al termine, ma con l’assicurazione che quello che una persona ha prodotto da vivo, rimarrà come “nutrimento” o monito per le generazioni future.

Nei Riti di Magia i Riti di Morte devono compiersi nelle notti senza Luna. Per questo, in Occidente, il colore del lutto è il nero. E ancora si parla moltissimo dei delitti del Mostro di Firenze, dei quali si sospetta una matrice Esoterica. Tutti i delitti sono stati effettuati in notti senza luna.

Luna-Madre, Luna che cresce di volume quando è gravida e si assottiglia di nuovo dopo il parto. Luna che porta il Figlio nel suo grembo, lo partorisce, lo accudisce, lo segue: ma se a un certo punto non interviene il Sole Padre ad affiancarne l’Educazione ed a portarlo pian piano all’esterno, il figlio può essere fagocitato, avviluppato a vita in braccia amorose che diventano poco a poco catene.

Molti i Miti legati al Cancro. Il primo, si è detto, è quello della Madre che partorisce, nutre ed educa i figli. Nella rappresentazioni più arcaiche c’è quindi il Culto della Dea Madre, raffigurata come una donna dal grande ventre e dalle grandi mammelle. Poi come una donna dalle molte mammelle e, infine, Madre che nutre uno o più bambini da questa ultima Icona proviene, filtrata nei millenni, la figura cattolica della Madre di Dio legata poi, nel Medioevo, al Segno Vergine.

C’è quindi il famoso Mito di Edipo: il figlio che possiede la madre e, per la vergogna, si acceca. E c’è quello delle tre Parche, collegabili alle fasi della Luna. Cloto, che prende il filo della vita del neonato (Luna Crescente), Atropo che avvolge questo filo nella rocca (Luna Piena, lo svolgimento dell’Esistenza), e Lachesi (Luna Calante, quando l’ultima virgola di Luna sparisce il filo viene tagliato. Ed ecco che torna il Cancro Nascita-Morte).

E, ancora, in epoca più tarda, Achille, figlio di Teti che uccideva i figli avuti da Teleo, mortale, e ne bruciava i corpi per consentire così loro di salire all’Olimpo. Peleo, per salvare Achille dalla fine dei fratelli, lo immerge nel fiume Stige, le cui acque donano l’Immortalità. Ma lo immerge tenendolo per un calcagno, il quale rimane asciutto. Un’altra versione dice che fu Teti stessa ad immergere Achille nello Stige, tenendolo per il tallone. Teti tenta conìmunque in tutti i modi di tenere il figlio legato a sé, di impedirne la partenza per la guerra: e quando questa partenza non può evitarla, lo segue, lo protegge e lo cura in tutti i modi, cercando di tenerlo lontano dalla imprese più rischiose.

Solo la morte del suo amico Patroclo dà la forza ad Achille di staccarsi da quella madre asfissiante, di gettarsi nel pieno della lotta e morire gloriosamente da Eroe, colpito da una freccia nell’unico punto suo vulnerabile, il calcagno appunto, nel quale si sviluppa una mortale infezione.

Molte dee sono legate alla Luna (e quindi al Segno Cancro); da Iside ad Ishtar, a Diana, ad Ecate. Per elencare solo le principali.

Morire (metaforicamente), è il prezzo che molti Cancro devono pagare per staccarsi dall’abbraccio materno. Più di tutti Edipo ricorda questa lotta immane che il cancerino deve fare tra l’inconscio bisogno di tornare sempre alla Madre, sicuro di ritrovare Accoglienza tra le sue braccia calde ed avvolgenti, ricordo indelebile dell’infanzia. Ma “tornarci”, (o non riuscire a staccarsene), significa non crescere. Avere sempre una barriera tra sé e la Vita.

L’Ideogramma del Cancro è rappresentato da un numero 69 in orizzontale che simboleggia l’inversione del Sole, in fase Ascendente fino al Solstizio d’Estate, e poi discendente. Il Divenire della Vita tra flussi e riflussi. Altro significato dell’Ideogramma sono le chele del granchio, animale che vive nell’Acqua ed ha molte corrispondenti con i nativi del Segno. L’attaccamento morboso a cose ed a persone, ai ricordi(La chele che non molla la presa). Il suo chiudersi in indecifrabili silenzi ogni volta che si ritiene in pericolo oppure offeso (la corazza nel quale l’animale si rifugia in situazioni analoghe). Il granchio è animale sensibilissimo alle fasi lunari e la sua massima attività si svolge proprio con la luna Piena. Il granchio ha un'andatura oscillante, va avanti e torna sui suoi passi, tal quale l’individuo Cancro che oscilla sempre tra Presente e Passato.

Il Cancro ed il Leone sono Segni Dominanti dello Zodiaco in quanto ospitano, rispettivamente, la Luna ed il Sole; il Femminile ed il Maschile, l’Inconscio e l’Io Cosciente, l’Anima ed il corpo. La Madre ed il Padre, ed i rapporti che ciascun individuo ha avuto con gli stessi. Che donne e che uomini sono poi diventati, in seguito ai modelli genitoriali. Quali partners sceglieranno, sempre in riferimento a tali modelli.

Fermo restando che ogni Tema Natale è UNICO e risente di innumerevoli influenze che potenziano o sminuiscono le caratteristiche del Segno in cui si trova il Sole, è indubbio che gli appartenenti allo stesso Segno hanno basi comuni. Il Cancro, si è detto, ospita il Solsitizio di Estate, e ciò sta a significare che da quel giorno in poi le ore della notte cominceranno a prevalere su quelle del giorno. La traduzione psicologica di tutto questo è che l’Inconscio comincia a prevalere sul Conscio e le pulsioni sono molto più introverse, interiorizzate che non nei tre Segni precedenti (Ariete, Toro, Gemelli).

I cancerini, maschi e femmine, si contraddistinguono quindi per la ricettività, la sensibilità (che li rende spesso permalosissimi), e la pigrizia (che è solo lasciare l’attività fisica per una intensissima fantasia). Come Segno di Acqua, infatti, il Cancro è Fecondità, Plasticità, Romanticismo e Creatività che, nelle persone più dotate, diventa vera e propria Arte, in tutte le sue espressioni. Tanto lavorio psichico, assorbe energia, che viene tolta al lato fisico rendendo spesso, si è già detto, l’individuo pigro e passivo. Se non vi sono nel Tema Natale Astri in Segni di Terra o Fuoco, anche troppa ricettività, con reazioni che cambiano a seconda dell’ambiente, delle persone che il tipo Cancro frequenta, degli stimoli che riceve. E questo modo di essere rende spesso il Soggetto Cancro “Lunatico” e suggestionabile.

Proprio per la sua pigrizia, se non ha nel suo Tema Natale forti elementi che lo spingono a competere ed a combattere, il Cancro si adatta facilmente anche ad una vita che non gli piace, che non lo soddisfa. Questo perché supplisce a mancanze e frustrazioni reali, con la fantasia. La casalinga annoiata sognerà di essere una Principessa, mentre lava i piatti; l’impiegata frustrata da un ambiente che la avvilisce, si estranierà immaginandosi in un posto esotico. In alcuni casi, la fantasia può portare ad un progressivo distacco dalla realtà. Conflitto forte nasce quando nel Tema Natale vi sono anche forti valori di Segni assai attivi od ambiziosi (Ariete-Leone-Capricorno). Si creerà allora in senso grande di insoddisfazione tra la parte di sé che aspira ad altro, e la pigrizia Cancro che tende ad accontentarsi.

Il lasciarsi trascinare dagli eventi e da persone più forti, molto spesso è però più apparente che reale. Il tipo Cancro si lascia infatti influenzare veramente soltanto dalle persone che ama e stima. Se si sente contrariato od offeso, se non si sente a suo agio, il tipo Cancro non riesce a dire le proprie ragioni, difendersi od accusare. Gli viene invece istintivo chiudersi in un ostinato silenzio dal quale gli rimane poi difficile uscire (la corazza di cui si parlava prima).

Attaccamento fortissimo alla casa (sempre la corazza, che il granchio si porta dietro), ed ai valori familiari. La madre, si è detto e ridetto, nel bene o nel male avrà sempre posto primario; alla madre è legata soprattutto l’infanzia e per un cancerino i ricordi dell’infanzia saranno indelebili, come indelebile rimarrà tutto il passato. Cancro tipico Marcel Proust, con la sua “Recerche”, “scatenata” dal profumo di una madalein bagnata nel latte, latte che, assieme ai formaggi, è il cibo preferito di molti cancerini.

Il tipo Cancro è di solito un conservatore, non perché di mentalità ristretta ma perché è un pigro, per metabolismo lento, e tutti i cambiamenti comportano fatica morale e fisica. Se ha forti sostegni collaterali però, un Cancro può diventare combattente indomito, soprattutto per difendere non solo la Casa e la Famiglia ma anche la Patria, prolungamento di Casa e Famiglia. Anni addietro si è fatta una statistica sui terroristi e, stranamente, uno dei Segni più ricorrente tra loro era proprio il Cancro; chiaro che, pur confuso e contorto, anch'essi avevano un ideale di Patria. Parecchi Patrioti hanno forte peso del Cancro nel loro Tema Natale, a cominciare da Garibaldi.

La felicità di un Cancro in situazioni normali? Vivere in una bella e comoda casa, a contatto con la natura, protetto e coccolato da una famiglia unita e serena, da un partner con cui stabilire un rapporto di grande affettività e, spesso, di dipendenza. Molti uomini tendono proprio a sovrapporre la figura della partner a quella della madre.

Se soddisfatto del proprio compagno, raramente un Cancro sarà infedele; si legherà invece in modo quasi ossessivo, limitando molto la vita del partner. Infedele al massimo, invece, se non ha un punto di riferimento soddisfacente o, se maschio, può identificare troppo la moglie con la propria Madre, cosa che lo spingerà a cercarsi una Amante. Il Cancro donna può invece, a volte, identificarsi talmente nel Ruolo di Madre da rifiutarsi, una volta avuti dei figli, di essere amante del proprio uomo. Bravissimo a mostrarsi cucciolo vulnerabile, il tipo Cancro sarà capace (maschio o femmina), a far scattare forti istinti di protezione nei suoi confronti.

Il modo di amare del Cancro, anche sessuale, non si riduce certo alla pura fisicità, ma è arricchito da infinite coccole, tenerezze e fantasie. Se non afflitto da forti censure sessuali da bambino o adolescente, il tipo Cancro può quindi essere uno dei migliori amanti di tutto lo Zodiaco. Se riesce a liberarsi dall’abbraccio materno, tende a metter su famiglia presto ed a volere dei figli. Fortissimo è infatti l’attaccamento ai bambini e la capacità di comunicare con gli stessi.

La donna Cancro, assieme e ancor più della donna Toro, è simbolo della Madre che spesso si realizza pienamente nell’allevamento dei bambini, nell’accudimento della casa e nel sostegno del partner. Tipico per la donna Cancro trasformare anche l’innamorato in figlio; oppure se non è abbastanza cresciuta psicologicamente, di cercare un uomo che gli faccia un po’ da “madre”. Raro insomma trovare, in una coppia con un membro Cancro, un rapporta alla pari, da Compagni. Quasi sempre c’è un rapporto di dipendenza dall’una o dell’altra parte.

Ottimi genitori, affettuosi , premurosi, generosi, se riescono ad evitare coinvolgimenti emotivi troppo forti che diventano catene per i figli.

I Cancri di solito non amano la vita mondana e non cercano molte relazioni sociali. Spesso si chiudono nel guscio della famiglia e, se il Tema natale indica invece anche inclinazione alla socialità, sono molto selettivi, tendono ad allargare la famiglia includendo anche pochi amici cui dare e pretendere molto, affettivamente. Così come il Toro, anche il Cancro ama ricevere nella propria casa, davanti ad una tavola imbandita, ma i fortunati prescelti saranno sempre selezionatissimi. Poche cose urtano il tipo Cancro quanto vedersi arrivare in casa persone che lui non ha scelto.

Sensibile e generoso, spesso il tipo Cancro si presta ad aiutare chi è in difficoltà e fa tutti i sacrifici possibili per i familiari, ma meno debole ed indeciso di quanto sembri, sa accorgersi benissimo quando la sua disponibilità viene sfruttata. Sa allora dire dei no decisi ed irrevocabili.

Alla casa egli darà tutte le cure possibili fornendola di ogni comodità cui dà più valore che all’eleganza. Di solito, specie per le donne, tendenza ad arredamenti un po’ leziosi. Spesso non mancano le collezioni di bambole o di animaletti di cristallo o d’argento, i due materiali preferiti dal Cancro. Bandite le luci forti e dirette, ma preferenza per lampade angolari che mandano luci soffuse e lasciano zone d’ombra. Sensibilissimo alla Natura, il Cancro, se possibile, cerca di abitare in mezzo al verde, o in riva a un corso d’acqua. Acqua che lo magnetizza, lo avvince, lo ricarica. Così come succede con la Luna; chi ha forti valori Cancro, viene “magnetizzato” dalla Luna alla quale è legato da un rapporto viscerale, “magico”. Le notti di Luna Piena sono notti di Magia, per un Cancro. Basti ricordare le Odi alla Luna del Cancro Leopardi.

Sul lavoro, il tipo Cancro avrebbe bisogno di attività nelle quali usare fantasia, inventiva. I lavori ripetitivi, peggio ancora quelli aridi, tecnici, con orari fissi e senza stimoli lo intristiscono. Molti, là dove è possibile, preferiscono quindi attività indipendenti sia sul piano artistico che in tutte le attività concernenti la casa o i bambini. Dall’architetto all’arredatore, al pediatra; dalla baby sitter all’insegnante, specie negli asili. Ottimi artigiani, perché dotati di grandissima fantasia. Se portato per il commercio, il Cancro sceglierà facilmente un negozio per casalinghi e di abbigliamento femminile e per bambini.

Sempre sul piano lavorativo, se costretto a svolgere una attività insieme ad altri, il tipo Cancro cercherà di ricreare un ambiente familiare di accordo ed affettività. Di solito non è competitivo e se si cerca di non urtare la sua suscettibilità, può essere un ottimo compagno di lavoro, premuroso ed affettuoso, legato per la vita al suo posto, al datore di lavoro ed ai colleghi.

Se padrone di una ditta, o di un ufficio, tenderà egli stesso a comportarsi come “madre”, instaurando con i suoi dipendenti un legame “familiare”.

Tra le donne Cancro che amano lavorare o lo debbono fare per necessità, facile che scelgano l’insegnamento, la pediatria, la cura degli anziani o, come già detto, il commercio di cose femminili o per bambini.

Il denaro non è visto dal Cancro come fine a sé stesso ma, così come per il Toro, come un mezzo per assicurarsi la tranquillità. Tendenza ad investire soprattutto in beni immobili. Spesso al Cancro piace fare regali, non sempre per generosità autentica ma, a volte, per “comparsi” l’altrui benevolenza della quale ha assoluto bisogno per assicurarsi quella tranquillità di vita indispensabile alla sua sopravvivenza.

Spesso, volubità nell’aministrazione, con momenti di quasi spreco ed altri di quasi avarizia. Ma, se ha figli, cercherà di procurare loro tutto il benessere possibile, a cominciare da una casa.

Sul piano fisico in senso lato il Cancro simboleggia il ventre morbido e caldo ove cresce il feto. In particolare, presiede lo stomaco, gli organi genitali femminili. Spessissimo, i fastidi allo stomaco sono di origine nervosa, come le gastriti e le ulcere. Rischi forti di diabete, perché i tipi Cancri sono molto sensibili ai cibi dolci e davanti a una torta o a delle paste farcite di crema o panna, non sanno proprio controllarsi! Per lo stesso motivo, e per la loro pigrizia che gli fa fare meno sforzi fisici possibili, tendono anche all’obesità.



Il mito e la psicologia nel segno dell Ariete Il mito e la psicologia nel segno del Toro Il mito e la psicologia nel segno dei Gemelli Il mito e la psicologia nel segno del Cancro Il mito e la psicologia nel segno del Leone Il mito e la psicologia nel segno della Vergine Il mito e la psicologia nel segno della Bilancia Il mito e la psicologia nel segno dello Scorpione Il mito e la psicologia nel segno del Sagittario Il mito e la psicologia nel segno dellAcquario Il mito e la psicologia nel segno dei Pesci

      Sito realizzato per Gabriella, con grande affetto e simpatia, da
Grafica Roma Web